Il progetto Alzheimer

Mosaico all'entrata in ricordo del Grande Giubileo del 2000

In continuità con l’intuizione che, oltre mezzo secolo fa, aveva portato il vescovo Girolamo Bortignon a individuare nelle persone con disabilità e nelle loro famiglie le categorie più bisognose, nel contesto attuale la diocesi di Padova ha accolto la  richiesta di aiuto dei malati di Alzheimer e dei loro familiari.

Alla fine degli anni Novanta è stato, quindi elaborato un progetto i cui principali obiettivi sono la presa in carico globale e longitudinale del paziente, che prevede interventi differenziati in risposta ai bisogni che caratterizzano le diverse fasi della malattia, da quelle immediatamente successive alla diagnosi fino a quelle più avanzate,.

Al fine di realizzare questo progetto nel settembre 2006 ha iniziato la sua attività “Casa Madre Teresa di Calcutta”, un centro polifunzionale di accoglienza e di assistenza alle persone affette da deterioramento cognitivo e alle loro famiglie, voluto dalla Chiesa di Padova in occasione del Grande Giubileo del 2000. Al suo interno sono possibili:Casa Madre Teresa è sostegno per i malati e i loro familiari

-    un percorso di semiresidenzialità, con possibilità di accesso quotidiano, finalizzato a fornire all’assistito un ambiente di vita sereno e stimolante con interventi di stimolazione cognitiva strutturata e di riabilitazione comportamentale. La frequenza al centro semiresidenziale permette, inoltre, ai familiari del paziente di recuperare le energie e di poter quindi ritardare il momento dell’istituzionalizzazione del paziente;

-    un percorso di residenzialità che può avere le caratteristiche della temporaneità, per i soggetti i cui familiari necessitano di un periodo di sollievo, o della permanenza prolungata, nelle situazioni in cui, pur non essendo ancora la malattia in una fase avanzata, la rete familiare non è più in grado di sostenere il carico assistenziale.

Per dare una risposta anche ai bisogni che si manifestano nelle fasi più avanzate della malattia, nell’ottobre 2012 è stato attivato il Centro Servizi “Casa S. Massimiliano Kolbe”, una struttura residenziale in grado di accogliere quei malati che, per la situazione di gravità in cui si trovano, necessitano, ormai, di un approccio principalmente di tipo assistenziale e sanitario.

Dal 2009, infine, è attivo un Centro di Ascolto Alzheimer che fornisce consulenza, formazione e supporto psicologico a quanti, familiari ed operatori, si prendono cura delle persone affette da deterioramento cognitivo.

Vedi inoltre: 
Il caretteristico "giardino Alzheimer" con il grande olivo
Le strutture dell’Opera della provvidenza destinate all’accoglienza delle persone ...
La reception di Casa Madre Teresa di Calcutta
 “Casa Madre Teresa di Calcutta” e “Casa S. Massimiliano Kolbe” sono Centri che ...
Attività di stimolazione cognitiva
Il Centro Diurno a valenza prevalentemente riabilitativa di “Casa Madre Teresa di ...
Ospiti nel giardino Alzheimer
Il Centro Diurno a valenza prevalentemente socio-assistenziale di “Casa Madre Teresa ...
Conversazione al Centro residenziale
Il Centro Residenziale di “Casa Madre Teresa di Calcutta”, pur inserendosi nella rete ...
giardino esterno privato
Il Centro Residenziale “Casa S. Massimiliano Kolbe”, è inserito nella rete dei servizi ...
Gruppo d'aiuto con la responsabile del Centro d'Ascolto
Da oltre un anno, l’Opera della Provvidenza S. Antonio collabora con la Fondazione ...
Verso nuovi servizi
Le iniziative a favore delle persone affette da demenza in atto da parte dell’Opera ...