I principi ispiratori

Simbolo del pesce e la croce accolgono all'entrata

Nel luglio del 1955, quando il vescovo di Padova mons. Girolamo Bortignon pensò all’Opera della Provvidenza, l’obiettivo era, ed è tutt’ora, quello di dare una risposta concreta ad un problema umano e sociale gravissimo, quello delle persone con gravi disabilità abbandonate a se stesse, in condizioni disagiate se non degradate, senza, comunque, una adeguata protezione sanitaria e socio-assistenziale, problema del quale nessuno allora sembrava accorgersi.

Tutta la storia dell’Opera della Provvidenza evidenzia l’obiettivo fondamentale che unifica e riassume tutti gli altri: il rispetto e la promozione della persona umana oltre ogni disabilità.

L’Opera della Provvidenza è stata pensata per poter accogliere ed assistere amorevolmente queste persone, affinché possano vivere in un clima sereno e familiare nella loro piena dignità di persone.

 

I QUATTRO PILASTRI FONDAMENTALI DELL’OPERA

Mons. Girolamo Bortignon volle che lo spirito dell’Opera della Provvidenza poggiasse su quattro pilastri fondamentali: la fede, la carità, la preghiera e la fiducia nella Provvidenza.

La fede

Soltanto la fede fa percepire nei fratelli disabili, in qualunque condizione si presenti la loro esistenza, la piena dignità di persone e la loro realtà di figli di Dio con un’anima fatta ad immagine e somiglianza di Dio.

La caritàChristo in fratribus - particolare

Il vescovo fondatore volle che sulle mura all’ingresso dell’Opera ci fosse la scritta: “Christo in fratribus”, per indicare che chi si occupa dei “fratelli più piccoli”, come quelli accolti all’Opera,  presta un nobile servizio a Cristo che vive nelle loro membra sofferenti.

La preghiera

Il vescovo fondatore ha voluto che fin dall’inizio dell’attività dell’Opera della Provvidenza venisse proposta l’adorazione eucaristica diurna. Ogni giorno, alle 8 del mattino, dopo la S. Messa, si espone solennemente l’Eucaristia. L’adorazione si conclude alla sera con la recita del rosario e con la benedizione eucaristica.

La fiducia nella Provvidenza

Nelle raccomandazioni del vescovo Girolamo al personale dell’Opera non manca mai l’esortazione alla pratica dell’umiltà, della fede, della carità e della preghiera per ottenere la Provvidenza del Signore.

Vedi inoltre: 
La Chiesa dell'Opsa - facciata
L’Opera della Provvidenza S. Antonio (O.P.S.A.), fondazione di religione della diocesi ...
La posa della prima pietra
La storia dell’Opera della Provvidenza S. Antonio inizia ufficialmente con un ...
Il Vescovo di Padova con il Presidente e il Direttore dell'OPSA
L’Opera della Provvidenza S. Antonio è retta da un Consiglio di Amministrazione ...
La struttura
L’Opera della Provvidenza S. Antonio sorge su una superficie complessiva di circa ...