La struttura

La struttura

L’Opera della Provvidenza S. Antonio sorge su una superficie complessiva di circa 260.000 mq all’interno della quale sono dislocate i Centri Servizi per disabili, per i malati di Alzheimer e per religiosi non autosufficienti.

La struttura che ospita il Centro Servizi per persone con disabilità ha un volume di oltre 210.000 mc articolati in nove unità residenziali per un totale di ventisette nuclei residenziali, a cui si sommano le due infermerie, un poliambulatorio specialistico, una capiente ed accogliente sala per le visite dei familiari e che viene utilizzata anche in occasione di eventi ricreativi particolarmente importanti, una grande palestra attrezzata e altre palestre specifiche per le attività riabilitative, un auditorium con più di 750 posti a sedere, diverse sale attrezzate per le attività educativo - occupazionali, una modernissima piastra servizi comprendente cucina e lavanderia. Una casa specifica ospita le Suore Terziarie Francescane Elisabettine, a cui si è aggiunta recentemente, una comunità di suore indiane della Congregazione di S. Luigi Gonzaga. Al centro del complesso edilizio si erge le grande e bellissima chiesa, cuore vivo dell’intera Casa.

Il Centro Servizi polifunzionale “Casa Madre Teresa di Calcutta” per malati di Alzheimer si compone di due nuclei diurni cui possono accedere fino a quaranta persone al giorno, due nuclei residenziali con complessivi trentaquattro posti letto. Tutti gli ambienti dei quattro nuclei sono situati al piano terra e da essi è possibile accedere ai giardini Alzheimer e ai giardini d’inverno. Al primo piano è ospitato il Centro di Ascolto Alzheimer, ci sono locali d’incontro per le associazioni di malati e familiari Al secondo piano c’è una foresteria e la residenza delle religiose della Congregazione delle Francescane Clarisse che prestano servizio presso l’Opera.

Il Centro servizi "Casa S. Massimiliano Kolbe" che accoglie persone anziane non autosufficienti, con particolare attenzione ai pazienti con deterioramento cognitivo in fase avanzata, è ubicato all'interno di un padiglione di tre piani e nei suoi tre nuclei può ospitare fino a settantadue persone.

Il Centro Servizi “Casa Mons. Girolamo Bortignon” per religiosi non autosufficienti è ospitato in un padiglione di tre piani che, pur essendo strutturalmente autonomo, utilizza i servizi generali della struttura. In esso, oltre agli ambienti necessari per la residenzialità dei ventiquattro religiosi ospitati, ci sono due cappelle e spazi dedicati alla preghiera e allo studio.

Per approfondire: 
La chiesa
Nel complesso dell’Opera della Provvidenza sono presenti numerose cappelle e luoghi ...
L'auditorium dell'OPSA
L’auditorium dell’Opera della Provvidenza S. Antonio fu costruito, su  progetto ...
La palestra dell'OPSA
Il progetto originale dell’Opera non prevedeva una grande palestra centrale per ...
Uno scorcio del grande parco in primavera
L’Opera della Provvidenza S. Antonio è immersa in un immenso e curatissimo parco di ...
Vedi inoltre: 
La Chiesa dell'Opsa - facciata
L’Opera della Provvidenza S. Antonio (O.P.S.A.), fondazione di religione della diocesi ...
Simbolo del pesce e la croce accolgono all'entrata
Nel luglio del 1955, quando il vescovo di Padova mons. Girolamo Bortignon pensò ...
La posa della prima pietra
La storia dell’Opera della Provvidenza S. Antonio inizia ufficialmente con un ...
Il Vescovo di Padova con il Presidente e il Direttore dell'OPSA
L’Opera della Provvidenza S. Antonio è retta da un Consiglio di Amministrazione ...